Argomento 3 Tecniche del Teatro dell’oppresso

Il TdO può essere suddiviso in diverse tecniche. Ecco alcune delle più diffuse.

  1. Teatro-immagine: la creazione di un “tableau vivant”, ossia di un’immagine statica sul palco che rappresenti un’idea o un tema particolare. Gli attori si dispongono in una posizione immobile, come una fotografia, per rappresentare o trasmettere un particolare concetto o situazione. Questa tecnica consente una rappresentazione visiva potente di emozioni, relazioni o problemi sociali. Una volta creata, l’immagine può essere approfondita e analizzata attraverso il movimento e il dialogo. Gli attori possono usare il corpo, i gesti e le espressioni facciali per dare vita all’immagine e approfondire il suo significato.
  2. Teatro-forum: la presentazione di una breve commedia o scena che descrive una situazione di oppressione o di conflitto. Questa forma di tecnica teatrale partecipativa di solito comporta la presentazione di una breve commedia o scena, in cui viene descritta una situazione caratterizzata da disuguaglianza, ingiustizia o qualche forma di conflitto. Dopo la rappresentazione iniziale, la scena viene ripetuta, ma questa volta i membri del pubblico sono incoraggiati a interagire con gli attori, o persino a entrare in scena come “spett-attori”. Possono interrompere l’azione in qualsiasi momento, prendere il posto di un personaggio e suggerire interventi o soluzioni alternative per cambiare il finale della scena. Il teatro-forum promuove il dialogo, permette al pubblico di partecipare attivamente ed esplora le possibilità di cambiamento sociale.
  3. Drammaturgia: la drammaturgia è la creazione di spettacoli originali attraverso la collaborazione tra gli studenti e l’insegnante. Coinvolge attivamente gli studenti nello sviluppo dell’opera dall’inizio alla fine, dalla sceneggiatura e dalla creazione dei personaggi fino alla messa in scena. Dato che la drammaturgia fa generare di idee e dà forma a una narrativa complessiva, incoraggia la creatività, il pensiero critico e il lavoro di squadra. Questa tecnica consente agli studenti di parlare con la propria voce, esplorare temi o problemi importanti in cui si sentono coinvolti e dare vita alle loro idee sul palco.