Argomento 3 LA SCALA MAGGIORE

L’ultimo aspetto che dobbiamo introdurre prima di capire cosa è il cerchio cromatico e come funziona, sono gli intervalli musicali. Un intervallo è la distanza che passa tra due note. Comprendere gli intervalli significa poter capire come si costruiscono le scale e gli accordi musicali che sono alla base delle composizioni musicale e delle canzoni. Se prendiamo la scala maggiore di Do e confrontiamo la prima nota di Do via via con tutte le altre note che la compongono, otterremo i seguenti intervalli:

Risulta piuttosto semplice numerarli dal momento che se Do è la prima nota, Re sarà la seconda, Mi la terza Fa la quarta etc.. e quando sovrapponiamo la prima nota con la seconda (Do e Re) parleremo allora di intervallo di seconda. Se sovrapponiamo il Do con il Mi otterremo un intervallo di terza e così via. Come abbiamo già visto quando il Do viene sovrapposto al Do superiore, si parla di intervallo di ottava. L’unico intervallo che non misura una distanza vera e propria è il primo (quello chiamato unisono) che è il nome di una qualsiasi nota che coincide con se stessa. Quindi guardando lo schema, il Do è ripetuto due volte proprio perché coincide con se stesso. Non è inutile questo intervallo dal momento che ad esempio due strumenti diversi possono suonare all’unisono (cioè suonare la stessa nota scritta nello stesso punto sul pentagramma) ma l’effetto sarà quello di una somma delle caratteristiche proprie dei due strumenti, che genererà qualcosa di nuovo.