Argomento 2 Cause di distruzione in architettura

Nel corso della storia, molti edifici di valore e persino intere città sono stati distrutti da varie catastrofi, come terremoti, incendi, inondazioni, eruzioni vulcaniche e altro. Alcuni li conosciamo solo dalle leggende, come Atlantide.

Altri dagli scavi archeologici, come Pompei. 

Oltre alla distruzione per motivi al di fuori del controllo umano, anche le guerre hanno distrutto non solo singoli edifici, ma intere città. Potremmo citare l’esempio di Varsavia, rasa al suolo durante la Seconda Guerra Mondiale, o più di recente Aleppo o le città dell’Ucraina. 

In questo caso, però, abbiamo già delle foto su cui basare la ricostruzione. È molto più raro, invece, che la base per una ricostruzione sia costituita da dipinti. Ma mostreremo anche questi esempi in questo capitolo.

MONUMENTI DISTRUTTI

Partenone, distrutto nel XVI secolo

Pompei, sepolta sotto 4-6 m di pomice e cenere vulcanica durante l’eruzione del Vesuvio nel 79 d.C.

Belchite, nei pressi di Saragozza, distrutta durante la Guerra Civile Spagnola
Licenza: CC-BY-SA 4.0
Fonte: https://commons.wikimedia.org/wiki/
File:Vista_de_Belchite,_Aragón_(España).jpg